MESTIERI

(Pagina in lavorazione)
Alcune forme di artigianato ormai in disuso sono rappresentative dello straordinario patrimonio storico, culturale e sociale della Ciociaria. Preparare un aratro da un fusto di albero, intrecciare vimini e stramba, cucire cuoio per confezionare ciocie, cardare la lana, fare il sapone, preparare la colata per lavare i panni, sfornare pane caldo: erano questi i lavori manuali che hanno formato anime forti e sapienti.
Numerosi erano gli artigiani presenti in terra ciociara e ognuno di loro aveva un laboratorio, una bottega, in cui esercitava la propria attività e tramandava la propria esperienza ai giovani apprendisti che “imparavano il mestiere”. Fabbri, falegnami, calzolai, marmorai, realizzavano quanto necessario alle esigenze della collettività; e gli oggetti prodotti, che naturalmente si distinguevano per la loro unicità, erano destinati a durare nel tempo, tanto che non mancavano artigiani che provvedevano a riparare ombrelli, piatti, bicchieri e tutto quanto fosse recuperabile.